backup siti web e database mysqlIn ambito informatico, la sicurezza dei propri dati è un dovere in qualsiasi applicazione. Non fa eccezione il mondo dei siti web, dove un qualsiasi malfunzionamento, errore di programmazione o incompatibilità tra elementi aggiuntivi può causare danni che vanno tempestivamente corretti. Il metodo migliore per ripararsi da imprevisti di qualsiasi genere nella gestione del proprio sito web è quello del backup siti web e database MySql, una parola sulla bocca anche dei neofiti, la quale tuttavia non si traduce spesso in applicazioni pratiche o fatte correttamente.

Il backup non è altro che una copia di sicurezza del proprio sito web. Tutte le cartelle del nostro spazio online vanno archiviate in una directory sicura dove possiamo attingere in caso di emergenza. Tuttavia il compito, che nasce da un semplice copia e incolla, non è affatto facile. Vediamo il perché e quali sono gli accorgimenti.

Il sito è ospitato da un server, uno spazio virtuale nella cui memoria sono situate la cartella principale e le sottocartelle. Ovviamente solo il provider del servizio hosting e noi abbiamo i dati per poter accedere al server remoto e modificare i dati. La visione delle proprie cartelle sul server avviene generalmente in due modi: o tramite FTP (un protocollo che trasferisce i dati dal nostro computer al server e viceversa) o tramite il Control Panel. Sia del Control Panel che del protocollo FTP possediamo delle password (a volte distinte, a volte identiche, dipende dalle scelte dell’hosting provider) che dobbiamo custodire gelosamente. Accedendo con l’uno o all’altro metodo alle cartelle remote del nostro sito, a quel punto, possiamo procedere a copiare tutto ed incollare su una qualsiasi cartella di destinazione del nostro computer.

Ovviamente le cose non sono mai semplici come dovrebbero essere. Ormai, con l’avvento massivo dei CMS come WordPress, Joomla, Magento o Prestashop, il nostro sito gira grazie a dei database MySql situati sempre sul server remoto: tutti i dati, sia di back-end che di front-end vengono fissati e filtrati da tale database. Pertanto, se il sito è costruito con un CMS (ipotesi molto probabile), non serve solo avere una copia di backup del proprio sito web, ma anche del database. E per avere una copia del database devo necessariamente accedere al mio Control Panel del servizio hosting e trovare l’opzione che crea la copia di backup del database stesso.

Ricapitolando: se ho un sito semplice fatto “alla vecchia maniera” e in semplice linguaggio html m basta avere una copia di backup delle cartelle del sito, ottenuta col metodo sopra descritto. Se interagisco con un database MySQL devo assolutamente avere la copia di backup anche del database.

A facilitarci il compito sono gli stessi provider: molti includono le copie di backup all’acquisto dello spazio hosting, altri lo richiedono come servizio aggiuntivo per una cifra veramente irrisoria. Inoltre anche i CMS possono prevedere delle estensioni che creano copie dello spazio web e del database. Insomma, ormai è difficile lasciarsi cogliere impreparati quando il sito, per qualunque ragione, si oscura o contiene errori, ma prudenza e consapevolezza non sono mai abbastanza.

Pin It on Pinterest